Cavalcare la tigre del Coronavirus

Cavalcare la tigre del Coronavirus

Lo stato di emergenza che stiamo vivendo in tutta Italia dipende certamente da cambiamenti nell’ambiente che ci circonda, ma è soprattutto uno stato mentale.

Le tre conseguenze che questo stato di emergenza provoca sono:

  • Le persone, in via protettiva, vedono solo problemi e tendono a non cogliere le opportunità
  • Tendono a rimandare le decisioni importanti (freezing);
  • Si focalizzano sul breve termine senza valutare le conseguenze sul lungo (come le persone ammassate in stazione a Milano per fuggire al Sud);

Questi momenti di incertezza sono al contrario quelli in cui sarebbe più importante fermarsi per ragionare strategicamente su come ci possiamo attivare per cavalcare la tigre.

Nelle prime settimane di emergenza, quando il panico dilagava, la gente saccheggiava i supermercati.

All’interno delle filiali, molti consulenti si sono fermati.

Vogliamo condividere, invece, delle best practises tratte dall’esperienza di alcuni colleghi.

Non sappiamo se le ordinanze permetteranno loro di continuare ad agire in questo modo, ma certamente con la loro visione creativa, troveranno altre soluzioni. Ecco quello che è stato fatto nelle settimane passate in alcune filiali:

1) Potenziamento delle competenze. Nelle settimane passate si è ridotta la quantità di flusso in filiale e questo ha permesso di approfittare del tempo per completare la formazione tra colleghi. In ogni filiale, lo sappiamo, ci sono persone che non si sentono ancora adeguatamente sicure per occuparsi di determinati argomenti con i clienti: che si tratti di finanza, di prodotti assicurativi o altro. La persona più esperta può supportare i colleghi in un programma di apprendimento e ognuno, individualmente, può farlo per sé recuperando attivamente le schede dei prodotti. Ma la formazione potrebbe non limitarsi solo ai prodotti: possiamo essere più creativi e far sì che qualsiasi arricchimento, anche trasversale, confluisca nel nostro modo di essere sul lavoro.

2) Educazione dei clienti all’appuntamento. Negli ultimi giorni l’esigenza di evitare assembramenti è stata da qualcuno utilizzata come motivazione per addestrare i clienti a venire in filiale su appuntamento. Da anni ascoltiamo l’obiezione dei colleghi, secondo cui sarebbero i clienti a non accettare di venire su appuntamento. Benissimo! Ora abbiamo la scusa per iniziare un circolo virtuoso;

3) Diffusione della cultura della protezione. Nel video racconto la storia di Annalisa. Come ha fatto lei, ogni momento di emergenza e paura crea immagini vivide nei nostri clienti. Così, come se avessi assistito all’incendio di una casa nel tuo quartiere, saresti più propenso ad assicurare la tua casa da eventuali rischi, allo stesso modo l’emergenza ospedaliera che stiamo affrontando può diventare una leva ed uno stimolo per far comprendere l’importanza di una protezione assicurativa. Perchè certi eventi non si possono prevedere.

4) Dare segnali di responsabilità civile; ad esempio utilizzando la mascherina FFP2. Chi l’ha fatto in queste settimane ha dato un forte segnale di responsabilità e affidabilità  alla cittadinanza, proteggendo colleghi e clienti. Anzi oggi possiamo dire che se tutti l’avessero fatto da subito, ora non rischieremmo la chiusura delle filiali. Il nostro marketing può comunicare questa iniziativa facendola percepire come un’ulteriore forma di attenzione nei confronti della nostra clientela.

Nel momento in cui scrivo questo articolo, la situazione sta peggiorando. Forse le filiali dovranno essere chiuse.

In ogni caso vi invito a resistere alla tentazione di cedere ai meccanismi mentali del panico: organizziamo piuttosto una riunione generativa in cui l’obiettivo è partorire idee che ci facciano cavalcare anche questo momento.

E se lo vorrai, potrebbe essere interessante condividere le idee che vi saranno venute, commentando questo articolo o inviandoci una mail a progetto@bccalquadrato.it. Creiamo un volano di idee che stimoli i nostri colleghi a non stare fermi in questo momento.

 

Andrea Magnani
Progetto BCC al Quadrato

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.